Servizio fotografico per Cerimonie & Family

Il mio approccio fotografico si può definire misto: non si può prescindere da alcuni scatti più classici, ma si prediligerà il lavoro in reportage. In un servizio di matrimonio non sono mai solo: da anni lavoro con una squadra affiatata. Cerchiamo il più possibile di stare dietro le quinte per poter proporre scatti spontanei e naturali. Non utilizziamo flash, solo quando si necessita, sfruttiamo al meglio la luce naturale per poter cogliere la vera atmosfera del giorno del vostro matrimonio.

Ogni foto racconta una storia. Mi piacerebbe raccontare anche la vostra.

DOMANDE FREQUENTI

QUANTO DURERÀ IL SERVIZIO?

È complesso stabilire la durata del servizio, in particolar modo per cerimonie come il matrimonio: di solito si incomincia dalla casa degli sposi e si finisce con il taglio della torta. Per la mia filosofia, un servizio fotografico termina nel momento in cui si capisce che si è diventati ripetitivi negli scatti, che non c’è più niente da raccontare. Bisogna saper essere versatili e saper cogliere l’atmosfera dell’evento: capita, ad esempio, che andarsene immediatamente al taglio della torta si trasformi in errore, perché quasi sempre è lì che incomincia la vera festa, e si rischia di perdere ricordi per la coppia.

COME SI SVOLGERÀ IL TUTTO?

Avverrà nel modo più semplice e leggero possibile; lavoro sempre in equipe, proprio per creare meno disagio, e riuscire ad essere il più invisibile.
Facendo così, non si è invadenti e si crea meno stress per le coppie, nel caso di matrimoni o di battesimi. Due o più di vista diversi, oltretutto, regalano prospettive differenti dello stesso momento.

COME COMPORTARSI IN CASO DI PIOGGIA / BRUTTO TEMPO?

Questa domanda è più che altro rivolta alle future coppie di sposi: in caso di pioggia, il servizio verrà comunque portato a termine, e si cercherà di trovare la soluzione più idonea, perché la vostra serenità è più importante.

Marco Aquilani


Il mio nome è Marco.
Sono nato a Viterbo, ma vivo a Chia, un piccolo paese in provincia, un luogo tanto caro a Pier Paolo Pasolini.
Amo fotografare.
Amo fotografare gli oggetti, perché è una sfida continua: scegliere e direzionare la luce rende vivo anche ciò che è statico.
Amo fotografare il cibo, ma ancor più amo fotografare il mondo della mixology, che mi ha sempre affascinato.

INTERESSATO AL SERVIZO? CONTATTAMI